4. Struttura di una trama

Dopo aver avuto un’idea bisogna elaborarla. Per farlo mi sono dovuta porre quesiti ben precisi e rispondere ad ognuno di essi in modo dettagliato. La prima domanda è stata: dove voglio andare a parare?

Una volta ragionato per bene, le prime dieci pagine sono state cestinate e, solo dopo un lungo studio della trama, riscritte.
Ecco ciò che succede a chi, come me, si lascia totalmente trasportare dall’ispirazione.
Alcuni riescono davvero a scrivere un romanzo senza sapere cosa capiterà dall’inizio alla fine, ma ho capito che per me non può funzionare così. Ho bisogno di tecnica.

Ogni scrittore ha un metodo diverso. Io ho mantenenuto la suggestione di partenza (la famosa immagine della mia protagonista), ma, prima di riscrivere, ho pensato bene alla mia trama, ad un’inizio e una fine. Ovviamente, non tutto è stato deciso prima di cominciare, molte parti sono nate in corso d’opera, ma la struttura di base, secondo le mie esigenze, era già presente: dovevo sapere fin da subito chi fossero i miei personaggi, dove volessero arrivare e perché.

In qualche modo ho dovuto tirare fuori le mie capacità di progettista (ormai, dopo cinque anni di università, insite in me), perché per tessere le fila di una storia sono quasi fondamentali.
Bisogna progettare il tempo e, in esso, gestire i personaggi e gli accadimenti.
Ho costruito una storia mettendo al suo posto ogni tassello. Se ne viene tolto uno, crolla tutto. Se viene spostato, la storia non ha più senso.
Non è stato per niente facile, anzi, ci sono voluti anni per arrivare ad un racconto che si possa definire organico.

Appuntare tutto è fondamentale ed io preferisco farlo a mano.
In una cartellina di plastica trasparente, ho degli A4 bianchi che contengono le schede dei personaggi e dei luoghi, lo schema della trama e le varie annotazioni su ciò che ancora devo scrivere.
Il mio lavoro è organizzato così, anche se molti trovano più pratico scrivere tutto al computer.

Annunci

3 responses to “4. Struttura di una trama

  • RENATA

    Anche io cerco di avere una trama con dei personaggi che credo all’inizio ben definiti, ma poi trama e personaggi mi prendono la mano e fanno quello che vogliono loro.
    Fondamentale, hai ragione, avere l’idea di base, altrimenti non sai nemmeno come cominciare.
    Molti personaggi sono cambiati nel corso del manoscritto e nell’ultimo che sto scrivendo addirittura la trama mi ha preso la mano. Devo dire che è entusiasmante!
    Renata

    • Chemical

      SI, è sempre bello essere così coinvolti dalla trama e dai personaggi, però, proprio per questo, è importante riuscire a tenerli a bada 🙂 con tanta esperienza è più facile (infatti io faccio ancora parecchia fatica a non partire per la tangente).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: