16. Il blocco dello scrittore

Stamattina mi sveglio e, dopo una dignitosa colazione, accendo il computer, apro il file e fisso le ultime righe del romanzo. E ora?
So che cosa deve esser scritto, ma non come trasferire l’idea. Ogni tassello è già stato pensato, ho le schede che mi guidano e mi ricordano la struttura della storia. Sono alla scena clou, non a un punto morto, eppure le parole non arrivano. Da giorni mi sento lontana dalla storia, inadeguata.
Non mi farò scoraggiare e finirò questo romanzo, non sono qui per lagnarmi, ma per parlare costruttivamente dei miei momenti di sconforto.
Capita a tutti: iniziamo con un entusiasmo tale da non poter credere che ci bloccheremo e invece…

Uno degli aspetti positivi della tecnica, è che aiuta quando manca la fantasia. Per questo, credo che nel mio caso sia fondamentale avere qualche rudimento di scrittura creativa. Quando si lavora a ruota libera e non si ha controllo sulla storia è difficile superare un blocco, ma, se la trama esiste già, mischiare tecnica e rigore può salvarci.

Le regole insegnano che avere sotto mano lo schema degli eventi ci mette al riparo dal blocco più comune, ossia, banalmente, non sapere come far procedere la storia. Può però accadere che non si riesca a passare dalla fine di una scena all’altra o, come sta succedendo a me, non si trovino le parole giuste per farlo.
Come cerco di sbloccarmi? Scrivendo. Tento di andare avanti in qualche modo, di superare il punto d’arresto e passare oltre, verso nuovi stimoli. Mal che vada, avrò un problema in più durante la riscrittura (tanto la revisione sarà ardua in ogni caso). Fortunatamente, ho una scheda anche per le parti da ricontrollare su cui appunto le modifiche da apportare e il numero della pagina.
In alcuni casi ho saltato delle scene. Ad esempio, dovevo descrivere un funerale (si, è davvero importante che ci sia ai fini della storia), ma proprio non riuscivo, quindi ho lasciato perdere e sono andata avanti. Immagino che sarà il capitolo che verrà scritto per ultimo.
Si possono fare queste cose senza un minimo di tecnica e progettazione? Se non si è me, forse si.

Ci sono svariati trucchi per superare il blocco dello scrittore (o sindrome del foglio bianco che dir si voglia).
Può ispirarci la lettura di un autore che amiamo, ma è una scelta pericolosa. Si potrebbe inconsciamente finire per ricalcarne lo stile quel tanto che basta ad allontanarsi dal proprio. E il lettore è furbo: se ne accorge.
I miei momenti di blocco coincidono con la mancanza di libri sul comodino, leggere poco equivale a scrivere poco; cerco quindi di sopperire alla mancanza di letture alternando volumi diversi, per non cadere nell’imitazione. Alcuni (io non lo faccio) si danno delle scadenze, le sfide aiutano a incentivarsi.
Spesso, mi è molto utile parlare del romanzo con una persona di fiducia, raccontando liberamente i fatti e analizzando i personaggi. Altro prezioso alleato, sono le lunghe passeggiate sotto il sole tiepido con il cane. Stimolano la mente e allontanano lo stress quotidiano.
Guardare immagini, quadri e fotografie può essere un’idea, ma, principalmente, ciò che mi serve di più è scrivere. Meno ne ho voglia, più m’impongo di farlo. Sembra incredibile eppure è la mia salvezza.
Ciò che non mi permetto di fare, invece, è lasciar passare il tempo aspettando l’ispirazione. Credo che non sia un bene. Anzi, fa dimenticare la storia nei suoi particolari e spinge lentamente ad abbandonarla per dedicarsi ad altro.

Annunci

3 responses to “16. Il blocco dello scrittore

  • grande4

    Consigli molto interessanti grazie. Personalmente, oltre la “vita vissuta quotidianamente”, la lettura, le passeggiate, quadri e fotografie, quando vengo disarmato dal famigerato blocco, guardo dei films dello stesso genere che sto trattando (nel mio caso storico-fantastico).
    Mi soffermo sulle scene, i personaggi, i loro gesti, gli abiti, i dialoghi, gli stati d’animo e anche il tono della voce, tralasciando la trama. La memoria visiva va a braccetto con l’immaginazione, e se è anche animata, penso che si possano cogliere particolati difficili da trovare in una semplice fotografia 🙂

    • Chemical

      È interessante questa cosa, io se vedo un film mi distraggo e non riesco più a pensare alla mia storia, perché ne sto seguendo un’altra che è completa. I film non mi lasciano spazio per immaginare (le serie tv già sono diverse) né ad un finale, perché arriva nel giro di poco tempo, né a delle immagini…è sempre piacevole conoscere altri punti di vista 🙂
      Grazie per il tuo commento

      • grande4

        Ovviamente intendevo film visti e rivisti, dove la storia è l’unica cosa che ormai non interessa più 🙂

        Grazie per la risposta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: