Archivi tag: Scene

19. Scene

La scena è una sequenza narrativa con un suo inizio e una sua fine. Un’opera è composta dalla somma delle scene. Queste dovrebbero essere organiche e omogenee, percepite come un’unica entità dal lettore. La loro connessione da vita al capitolo, come fossero un solo elemento. Un capitolo, infatti, non è altro che l’unione di più scene con situazioni collegate.
Ciò che secondo me è importante, è gestire consapevolmente i momenti di tensione attraverso l’ordine delle scene. Come ribadisco ogni volta, l’organizzazione, per me, è alla base di tutto il lavoro.
Di solito, in ogni capitolo si trova almeno una scena cosiddetta drammatica, ma ci sono eccezioni, ossia i capitoli esclusivamente descrittivi.
Un errore che commettevo spesso, era quello di introdurre l’elemento drammatico troppo avanti nella storia. Esageravo con l’incipit senza che nulla accadesse. Così facendo, inevitabilmente, annoiavo il lettore.

Scrivendo un racconto, non si hanno più di tre o quattro scene e, da quello che ho letto, è consuetudine dare drammaticità solo all’ultima. Nei romanzi invece ce n’è una marea. In entrambi i casi, la lunghezza non è mai prestabilita. Io, come scritto nel post precedente, sono abituata a ordinarle, così, una volta iniziato a scrivere, non sono tormentata dalla paura di perdere il controllo sulla storia. Per rimarcare i cambi di scena, lascio una riga bianca.

Le scene drammatiche sono quelle in cui si introducono personaggi o eventi importanti, colpi di scena o conflitti, ossia tutto ciò che permette alla storia di proseguire.
Le scene espositive, invece, sono quelle in cui sono presenti descrizioni o informazioni e, spesso, seguono quelle drammatiche.
Sono le scene drammatiche a tenere il lettore incollato al libro, perché sono più dinamiche, emozionanti e ricche di dialoghi. Io ho iniziato il mio con una scena espositiva, ma non è raro trovare romanzi, soprattutto quelli commerciali, che iniziano con scene drammatiche.
Alternare i due tipi di scene mantiene alta la tensione e, allo stesso tempo, dà informazioni al lettore. Il connubio deve però essere ben studiato. Se l’azione si interrompe nel modo sbagliato, l’apprensione del lettore calerà portandosi dietro anche la sua attenzione.
È importante decidere come sarà la scena d’esordio. Se espositiva, sarà strategico fare drammatica la seconda. Quando invece è drammatica, si può decidere di mantenere tale approccio anche nella successiva o di passare a un’espositiva.
Lo scrittore che fa promesse al lettore deve rispettarle rimanendo nei tempi giusti. Nel momento in cui la tensione è molto alta, non può permettersi di farla calare improvvisamente, quindi, per chi è alle prime armi, è consigliabile mantenere un ritmo costante, fatto di piccoli balzi. Infine, non bisogna dimenticarsi delle scene espositive: esse sono la brace che alimenta quelle drammatiche e la loro assenza può stufare il lettore.